La pietra di paragone  - risolvi i tuoi problemi
RSS Diventa fan

Servizio fornito da FeedBurner


Articoli recenti

IL RE è NUDO...E IO LO VESTO
PERCHÉ DONALD TRUMP FOR PRESIDENT ORA
GRUPPO QUANTICO...AD MAJORA!!!
COSA C’E’ TRA IL DIRE E IL FARE?
#IO HO UN SOGNO. IO HO UN MANTRA

Post più popolari

3 CHAKRA PER 3 PIETRE E 3 FIORI
La mia esperienza con L.Hay,W.Dyer e B.Weiss a Roma
HO'OPONOPONO E LA PAURA
PIU’ CHE POSSO!!!
IL CINABRO ROSSO La pietra del successo finanziario

Categorie

Chiedi, ti sarà dato
Crescita personale
Diario di viaggio
Floriterapia
I chakra
intro
La nuova Era
Le pietre
Ricerca del Sé Divino
Seminari vecchi e nuovi
Sonoterapia
Verso la meta

Archivi

dicembre 2016
novembre 2016
settembre 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
maggio 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
marzo 2011
febbraio 2011

powered by

Il blog di Claudia Mancini

Hoponopono e il massaggio sonoro

Qualche mese fa, durante una seduta di massaggio sonoro con una cliente, spontaneamente, quasi per ' caso', ho cominciato a recitare  MI DISPIACE, PERDONAMI, GRAZIE , TI AMO. Le parole uscivano dalla mia bocca, lente e fluide  colmando i vuoti tra i suoni vibranti delle campane. Mentre continuavo a recitare il mantra di  guarigione, la mia visione interiore si faceva sempre più chiara tanto da riuscire a vedere l' onda del suono espandersi dalla campana  attraversare i chakra inondando il corpo della cliente e da questo espandersi di nuovo nella stanza! Era come avere davanti agli occhi un' immagine olografica di onde energetiche che si rincorrevano veloci  e 'festose' inondando della loro luce rossa, verde, viola indicaco, me, la cliente e ogni cosa nell' ambiente.  Anche la  persona durante il massaggio aveva percepito che qualcosa di nuovo era accaduto..si era sentita avvolta in un caldo abbraccio e aveva udito   le parole TI AMO sussurrate all' orecchio destro .Da quella volta ho preso l' abitudine di recitare il mantra durante la pratica del massaggio sonoro e ho verificato, personalmente e dalle risposte dei clienti, un'  intensificazione ed accelerazione degli effetti  benefici delle campane.
 

5 commenti a Hoponopono e il massaggio sonoro:

Commenti RSS
Josaya on lunedì 16 maggio 2011 09:27
Ancora una volta la tecnica Ho-oponopono rivela tutta la sua potenza ed infallibilità! Just do it!
Rispondi a un commento


silvia paola on mercoledì 16 novembre 2011 09:44
La pulizia e la guarigione di Ho-oponopono ovunque e comunque! Grazie, ti amo!
Rispondi a un commento


VERA CHAITANYO on martedì 8 maggio 2012 11:43
Lo pratico a volte con consapevolezza altre solo come mezzo di piacere, ma in entrambe i casi provo sempre un benessere superiore alle aspettative. Mi dispiace , vi chiedo perdono, vi amo e vi ringrazio. Vera Chaitanyo
Rispondi a un commento


orologi replica svizzeri on sabato 2 marzo 2013 06:45
Kahuna Mornah Simeona, tradotto con ' Identità dell'io', si trasmuta nel più semplice, immediato ed incisivo D'IO! Un abbraccio generoso
Rispondi a un commento


Zegarki repliki on venerdì 18 aprile 2014 04:33
Rescue remedy tra le essenze floreali di Bach questa combinazione è la più nota e la più diffusa. E' un rimedio di pronto soccorso ed aiuta ad evitare lo shock, o a dissolverlo rapidamente. Per shock, e qui la parola non va confusa con l'omonimo concetto medico
Rispondi a un commento

Aggiungi un commento

Nome:
Indirizzo e-mail: (obbligatorio)
Sito web:
Commento:
Ingrandisci il tuo testo, trasformalo in grassetto, corsivo e applica tanti stili diversi con le tag HTML. Ti mostriamo come.
Post Comment