La pietra di paragone  - risolvi i tuoi problemi
RSS Diventa fan

Servizio fornito da FeedBurner


Articoli recenti

IL RE è NUDO...E IO LO VESTO
PERCHÉ DONALD TRUMP FOR PRESIDENT ORA
GRUPPO QUANTICO...AD MAJORA!!!
COSA C’E’ TRA IL DIRE E IL FARE?
#IO HO UN SOGNO. IO HO UN MANTRA

Post più popolari

3 CHAKRA PER 3 PIETRE E 3 FIORI
La mia esperienza con L.Hay,W.Dyer e B.Weiss a Roma
HO'OPONOPONO E LA PAURA
PIU’ CHE POSSO!!!
IL CINABRO ROSSO La pietra del successo finanziario

Categorie

Chiedi, ti sarà dato
Crescita personale
Diario di viaggio
Floriterapia
I chakra
intro
La nuova Era
Le pietre
Ricerca del Sé Divino
Seminari vecchi e nuovi
Sonoterapia
Verso la meta

Archivi

dicembre 2016
novembre 2016
settembre 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
maggio 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
marzo 2011
febbraio 2011

powered by

Il blog di Claudia Mancini

novembre 2011

L'angelo di Riccioli d'oro

 
 
'L'elevata energia del numero maestro 11 del tuo giorno di nascita difficilmente è possibile reggerla costantemente, pertanto quando non si regge più spontaneamente si ritorna nella valenza del numero semplice che nel tuo caso è il numero 2, il teneroFanciullo, e questo numero, cara Claudia corrisponde anche al tuo percorso di vita....La solitudine potresti non sempre accettarla di buon grado soprattutto nell'eventualità che il fanciullo venisse espresso al negativo divenendo l'Orfano...'
Questa è una parte della email con la quale Rina di www.numerologia.eu amica di 'tastiera' incontrata su fb, rispondendo alla mia richiesta, ha valutato il mio numero del destino.
Nel messaggio di Rina ho ritrovato molto della mia storia e soprattutto la 'solitudine' di un infanzia 'orfana' d'amore e protezione, che per anni ho cercato altrove da me. . Ed così che mi è tornata in mente Riccioli d'oro e il suo Angelo, protagonisti di una favola 'nata' in un anno del calendario non troppo lontano, ma infinitamente distante...nel tempo di questa vita.
Ho cominciato a leggere e ho letto ancora, diversamente.....nuovamente...e alla fine ho compreso....quello che il mio Cuore già sapeva....che Nessuno è solo e inascoltato a lungo in compagnia del proprio Angelo!
 
C'era una volta una bambina, chiamata Riccioli d'oro, che viveva nel Paese Incantato.
Un viso dolce incorniciava due occhioni azzurri, sgranati sulle meraviglie del mondo e un nasino impertinente 'virgolava' un sorriso accattivante.
Da quando i suoi genitori erano scomparsi, inghiottiti da un crepaccio in alta montagna, la bambina era stata adottata dall'intera comunità e tutti in paese le volevano bene e ogni giorno per lei c'erano baci e coccole.
Chiusa oramai la casa dei suoi genitori, Riccioli d'oro ogni sera sceglieva un posto diverso dove rifugiarsi. Ovunque andasse c'era un piatto di minestra fumante ed un letto caldo ed accogliente. Come era gioiosa Riccioli d'oro così amata e piena d'amore!
Ma un brutto giorno, come in ogni favola vera, arrivò in paese un'orda di barbari crudeli.
Uomini e donne malvagi uccisero gli abitanti e diedero alle fiamme l'intero paese. Solo Riccioli d'oro, nascosta in una grotta, si salvò dal massacro.
Rimasta sola cominciò a girovagare per ritrovare il Paese Incantato, ma per quanto cercasse, non riuscì a trovare nessuno da amare, nessuno che le volesse bene.
Esausta dal lungo peregrinare, afflitta e sconsolata, si fermò lungo l'argine di un ruscello e piangendo sommessamente chiese aiuto al suo Angelo: ' Ti prego, ti prego, Angioletto mio, aiutami, sono sfinita, ho fame e freddo. Ti prego, almeno tu, non mi abbandonare!'
L'Angelo apparve luminoso con le sue ali d'oro e in silenzio accarezzava Riccioli d'oro. La bambina, pietrificata dal dolore, piangendo sempre più flebilmente, muta implorava il suo angelo che teneramente continuava ad accarezzarle i riccioli d'oro.
Ad un tratto, come per incanto, i suoi occhi, fino ad allora offuscati dalle lacrime mentre il corpo si cullava al silenzio di una muta ninna nanna, guardarono e videro riflesso nell'acqua un viso inebetito dal terrore sospeso sull'orlo dell'abisso. E Riccioli d'oro, finalmente liberata dalla paura di morire, gridò tutto il suo dolore.
Solo allora l'Angelo amorevolmente prese tra le braccia la sua donna già bambina, e con un battito d'ali, insieme sorvolarono l'abisso verso la Felicità.
 
Un abbraccio generoso

Chiedi, ti sarà dato - Atto 2°

Ciao Claudia,
ti ringrazio immediatamente dall'aver letto e ascoltato ciò che mi hai regalato.
Grazie.
Qualcosa mi dice che forse ci siamo conosciute a Roma nel 1984...non so...
ti abbraccio e ancora grazie. pietra nera 
 
Grazie per la registrazione....e per avermi aiutato ad essere felice!
Mi puoi aiutare anche  a ricordare..il nostro incontro?
Puoi darmi qualche altro particolare.....anche perché ..il tuo nome non mi è nuovo....per aiutarti ti do qualche dato su di me  nel 1984...ero ancora sposata con il primo marito...mio figlio aveva 8 anni e frequentavo la facoltà di psicologia....vivevo a Roma...in zona Prati...avevo qualche anno in meno e i capelli più lunghi !
E di te cosa mi puoi dire?
Un abbraccio Claudia Mancini
 
Ciao Claudia,
io sono di Palermo, e in quell'anno a Roma feci una cerimonia di conversione al buddismo di Nichiren, mi sembra di parlare di una vita precedente, poi ho lasciato questo percorso durato ben 25 anni.
Nelle tante attività di riunioni nazionali mi ricordo di ben poche persone, ma una donna molto dolce, con il tuo nome e cognome mi è balzata al cuore incontrandoti  nel  mio nuovo percorso di Hoponopono .
 Ho solo sentito l'istinto di dirtelo. e non importa se sei la persona che ho conosciuto,
ti ringrazio con tutto il mio cuore, è meraviglioso incontrare chi dona amore all'universo e il tuo mi è arrivato come a risvegliare il mio cuore che a volte mi sembra smetta di battere.
ti abbraccio. pietra nera
 
Ciao pietra nera,
 è vero non sono io la persona che hai conosciuto in quel periodo lontano e distante dal presente, quando anch' io come te vivevo un' altra vita,  ed è sempre vero che non importa...quello che davvero conta è  che comunque ORA ci siamo incontrate e forse anche riconosciute....  facendo quattro passi sulla via del Cuore ......Grazie pietra nera, perché hai dato ascolto a quello che tu chiami istinto e che per me  è la voce del cuore che ci' fa' chiedere con curiosità semplice,  come fa un  bambino che, guardandoti negli occhi con un sorriso ti chiede: ' Io ho otto anni e tu quanti anni hai?'  e al quale con un sorriso non puoi che rispondere la verità !  
Con un abbraccio
 ti auguro Buon Cammino sulla via del Cuore: Grazie, Ti amo, Mi spiace, Perdonami 
a presto
Claudia

Ho'oponopono, il Bambino Interiore e l' Ego

 
Quando ho incontrato il mio bambino interiore con ho'oponopono avanzato: Grazie, Ti Amo, Mi Spiace, Perdonami, realmente questi quattro passi sono stati per me un gran passo in avanti, sulla via del Cuore, verso la realtà più profonda del mio Essere.
Personalmente considero ho'oponopono dell'identità dell'IO la via di auto guarigione e pulizia interiore, più semplice, completa ed efficace che ho sperimentato, perché mi ha condotto dolcemente ma 'inesorabilmente' verso la consapevolezza, non già facendo entrare, ma facendo uscire tutte quelle informazioni, dati, esperienze,ricordi che hanno offuscato e appesantito la mia coscienza per così tanto tempo da farmi dimenticare chi sono realmente. Ed così che con l'Anima più leggera, sono andata ad incontrare la mia 'Piccola Lei', là dove è sempre stata, cioè nel Cuore di me stessa.
Questo incontro attraverso 'ho'oponopono con la mia bambina interiore, mi ha permesso di riscoprire i desideri, i sogni, i pensieri della mia infanzia attraverso un percorso fatto di passi, a volte piccoli e incerti, ma sempre in avanti, cadute e riprese ma sempre con l'intima certezza di aver ritrovato alla fine la strada e ben decisa questa volta a non perderla mai pi
Ma la cosa più inattesa e per questo più stupefacente ed entusiasmante, almeno per me, stato scoprire che quanto pila mia 'Piccola Lei' avanzava attraverso ho'oponopono, diventando sempre un po' più grande e consapevole di sè delle sue capacità tanto più l'Ego si manifestava in modo chiaro, facendo sentire la sua voce che pronunciava raccomandazioni del tipo: 'stai attenta ma chi te lo fa fare? - chi lascia la strada vecchia... - sei un' ingenua - e via di questo passo, come un genitore troppo ansioso e centrato... appunto sul proprio ego :-) per sostenere la crescita del figlio che invece vuole solo continuare a controllare.
Dopo aver fatto questa scoperta, la fiducia nella parte più autentica di me stessa e nelle mie autentiche capacità è andata via via crescendo e continua a crescere ogni giorno un po' di più.
Ora quando l'Ego fa la voce grossa, usando tutto il repertorio di rimproveri, raccomandazioni, e convinzioni limitanti, che a ben guardare, io ho tenuto con me fino al momento in cui ho deciso che potevo lasciarli andare, lo ringrazio per il tempo che mi ha dedicato fino ad ora e con dolcezza gli chiedo di fidarsi di me, della mia bambina ormai cresciuta che lo guiderà per mettere le cose al posto giusto...il Cuore conosce la direzione!
Un abbraccio generoso

11/11/11 apertura nuovo portale d'energia

 
Oggi 11.11.11 si apre un nuovo portale di energia, per l'esattezza l' undicesimo del nuovo millennio, iniziato con il portale del 1.1 1, e che terminerà con quello del 12.12.12, esattamente 9 giorni prima dell'inizio ufficiale della nuova Era che secondo il calendario Maya, comincerà il 21.12.12, giorno del solstizio d'inverno quando cioè il sole si trova nel punto più basso dell'orizzonte e la notte è più lunga del giorno.
Immagina che ORA, proprio adesso, senza interruzione di continuità, il flusso di energia dell'Universo si sta muovendo in avanti e la sua espansione è costantemente sostenuta dalla spinta che riceve dal movimento sempre più veloce delle particelle di energia che lo compongono e fluiscono con esso.
Durante il percorso questo flusso di energia incontra i portali o porte d'accesso attraverso i quali avviene il salto quantico.
Durante il passaggio attraverso il portale infatti, l'accelerazione e l'espansione del flusso di energia raggiunge il punto di maggior intensità.
I giorni triplici, come appunto la data odierna 11.11.11, simboleggiano i portali d'energia perché hanno delle frequenze uniche che si allineano perfettamente alla frequenza vibratoria del salto quantico.
Per essere allineati al flusso e (s)correre liberamente attraverso il salto quantico, quest'oggi è necessario lasciare andare le resistenze e qualunque 'cosa' blocca l'espansione della nostra consapevolezza. E' necessario perciò aprire il Cuore solo a pensieri positivi e desideri di prosperità, che, vibrando alto in armonia con le energie sottili, sostengono anche l'espansione della coscienza collettiva dell'intero pianeta.
Ho ancora nel cuore la gioia provata domenica 10.10.10, quando alle 10.10, prima di aprire ufficialmente i lavori del seminario che avevo organizzato, in cerchio con i partecipanti presenti recitammo la preghiera per la pace del pianeta...e la meraviglia quando mi resi conto che eravamo in 10!

L'importante è la Rosa

 
Erano giorni che dentro di me una vocina, la vocina del mio bambino interiore, canticchiava un ritornello: ' L'importante è la rosa..l'importante è la rosa ' e questa notte ho fatto un sogno..ho sognato di essere tra le rose, in un immenso sterminato roseto di rose rosa....immersa fino alla vita in un mare di splendide rose rosa...il loro profumo delicato ed intenso allo stesso tempo penetrava nella mia pelle e al risveglio lo sentivo ancora nella stanza e tutto intorno a me.
Esco per delle commissioni e giù nell'androne del palazzo nella cassetta della posta vedo spuntare una rosa stampata su un biglietto pubblicitario. La vocina intanto aveva ripreso a canticchiare ' l'importante è la rosa..l'importante è la rosa'.
Le ore passano, vado avanti nella giornata, la vocina continua il suo ritornello che comincio a canticchiare anch'io. In realtà è sempre solo Lei che canta, io mi limito a ripetere solo le parole del ritornello perché sono così poco incline al canto (leggi stonata come una campana !) che la musica mi limito ad ascoltarla per il mio e altrui benessere!
Quando poi all'ora di pranzo torna mio marito con un mazzetto di roselline..rosa ...beh...mi sono decisa finalmente a cominciare la mia ricerca....navigando nelle acque della rete incredibilmente ricche di tesori per ricercatori profani come me!
Ed è così che, come d'incanto, comprendo l'importanza della Rosa a questo punto del mio viaggio.
La Rosa è il segnale stradale che alla fine, dopo tanti giorni avvolti nella nebbia del disorientamento, mi indica la via da percorrere, perché la Rosa è il simbolo del Sé, del Divino nel nostro Cuore, che mi incoraggia a proseguire, a riprendere il cammino per ad andare più lontano oltre i confini della mia consapevolezza e permettere così alla mia anima di crescere sempre un po' di più.
Questo fiore mi suggerisce che sono pronta a riconciliarmi col mio Cuore, ad aprirlo come un bocciolo che non chiede altro che schiudersi per far sbocciare in lui l'essenziale ovvero l'Amore.
 
Come recita un vecchio adagio:'Al momento di impegnarti su una via, chiediti se quella via ha un Cuore' perché, ora lo so, l'importante è la Rosa...l'importante è la Rosa....
 
Un abbraccio generoso