La pietra di paragone  - risolvi i tuoi problemi
RSS Diventa fan

Servizio fornito da FeedBurner


Articoli recenti

IL RE è NUDO...E IO LO VESTO
PERCHÉ DONALD TRUMP FOR PRESIDENT ORA
GRUPPO QUANTICO...AD MAJORA!!!
COSA C’E’ TRA IL DIRE E IL FARE?
#IO HO UN SOGNO. IO HO UN MANTRA

Post più popolari

3 CHAKRA PER 3 PIETRE E 3 FIORI
La mia esperienza con L.Hay,W.Dyer e B.Weiss a Roma
HO'OPONOPONO E LA PAURA
PIU’ CHE POSSO!!!
IL CINABRO ROSSO La pietra del successo finanziario

Categorie

Chiedi, ti sarà dato
Crescita personale
Diario di viaggio
Floriterapia
I chakra
intro
La nuova Era
Le pietre
Ricerca del Sé Divino
Seminari vecchi e nuovi
Sonoterapia
Verso la meta

Archivi

dicembre 2016
novembre 2016
settembre 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
maggio 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
marzo 2011
febbraio 2011

powered by

Il blog di Claudia Mancini

Nerone e Agrippina

 
 
La strana coppia
 
 
 
Nerone e Agrippina sono entrati in casa il 14 dicembre del 2000 come regalo per i 50 anni di mio marito.
 
Da un mese Pietro ed io ci eravamo trasferiti da Roma a Civita Castellana, in una grande casa con la terrazza affacciata su i tetti del centro storico, lontana dal traffico caotico della capitale, e con tutto a portata di....piede, cosicché con quattro passi potevo arrivare dove volevo..anche dal veterinario! Fu allorache decisi che era giunto il momento di esaudire il desiderio di mio marito di avere un gatto.
 
Cominciai a spargere la voce e la mia richiesta si duplicò...e il giorno del compleanno nella cesta c'erano due gattini: un maschio e una femmina,che, Pietro, amante della storia, chiamò Nerone ed Agrippina. Per una strana coincidenza i due animali erano nati a Roma e così i loro nomi erano quanto meno azzeccati!
 
Mentre adottavo Nerone presso l'associazione di volontari a piazza di TorreArgentina, Agrippina arrivava a Civita Castellana portata da una mia amica.
 
Agrippina e Nerone, che,quando l'ho adottato si chiamava Franco, dal nome del signore che loaveva trovato in un cassonetto, sono cresciuti e sono stati sempre insieme, legati da quel rapporto speciale che li rendeva la coppia' storica', i padroni di casa che hanno ospitato gli altri 7 gatti che nel frattempo erano arrivati.
 
Agrippina e Nerone avevano caratteri diversi ma complementari e per certi aspetti rispecchiavano le nostre personalità ..soltanto che il maschio era più simile a me e la femmina a mio marito.
 
Nerone infatti era un gatto impaurito che si difendeva con le unghie e con i denti e portarlo, ad esempio, dal veterinario era un'impresa. Agrippina invece era così dolce e mite che anche nella sala d'attesa dell'ambulatorio faceva le fusa!
 
Lui era così intraprendente da spiccare il volo dal parapetto della terrazza per inseguire i piccioni e planare con la pancia sulle tegole della tettoia del pianodi sotto. Lei invece era così timida che non ha mai lasciato la terrazza per avventurarsi sui tetti. Ma lui e lei erano inseparabili mangiavano dalla stessa ciotola, e dormivano nella stessa cesta, la zampa nera di lui sul collo di lei, o condividevano lo stesso postos ul divano.
 
Eh sì..erano proprio unacoppia molto affiatata e non si faceva fatica a vedere nel comportamento di Nerone ed Agrippina il riflesso 'gattesco' della nostra coppia umana.
 
C'erano anche altre somiglianze come il fatto, per esempio, che come me e Pietro, anche i nostri 2 gatti erano quasi coetanei con quattro mesi di differenza l'uno dall'altro. Non è un caso che Agrippina e Pietro si sono scelti ed ogni sera quando mio marito tornava a casa, lei eras olita aspettarlo sulla porta per poi salutarlo con un 'miao, miao'quando sentiva girare la chiave nella toppa.
 
Nerone aveva scelto me ed io lui così per aiutarlo a superare le sue paure ho dovuto prima imparare ad affrontare le mie.
 
Sono arrivati a casa nostra insieme, e dopo essere stati con noi per piùdi 11 anni, ci hanno lasciati 'quasi' insieme: Agrippina se ne èandata una settimana fa, esattamente 7 giorni prima di Nerone che è morto questa mattina.
 
Questa circostanza che li ha visti morire a pochi giorni di distanza l'uno dall'altro, mi ha ricordato la promessa di mio marito di concedermi, quando sarebbe giunto il momento, solo 15 minuti di anticipo....mi piace pensare che sarà così per noi come lo è stato per loro.
 
Ciao amici miei, e grazie per averci fatto compagnia!
 
Un abbraccio generoso
 
 

2 commenti a Nerone e Agrippina:

Commenti RSS
Rina on domenica 15 gennaio 2012 11:25
Ciao Claudia sono profondamente commossa......ti abbraccio forte forte....ti auguro felice serena domenica, ciao! Rina
Rispondi a un commento


Repliki zegarków on venerdì 18 aprile 2014 04:23
In altre parole il pieno di gratitudine ci allinea agli infiniti doni che l'Universo ha pronti per noi, facendoci sentire meritevoli di ottenere ciò che chiediamo e svincolandoci una volta per tutte, dal senso di colpa, legato al debito di riconoscenza, che si fa strada dentro di noi quando ringraziamo dopo aver ricevuto.
Rispondi a un commento

Aggiungi un commento

Nome:
Indirizzo e-mail: (obbligatorio)
Sito web:
Commento:
Ingrandisci il tuo testo, trasformalo in grassetto, corsivo e applica tanti stili diversi con le tag HTML. Ti mostriamo come.
Post Comment