La pietra di paragone  - risolvi i tuoi problemi
RSS Diventa fan

Servizio fornito da FeedBurner


Articoli recenti

IL RE è NUDO...E IO LO VESTO
PERCHÉ DONALD TRUMP FOR PRESIDENT ORA
GRUPPO QUANTICO...AD MAJORA!!!
COSA C’E’ TRA IL DIRE E IL FARE?
#IO HO UN SOGNO. IO HO UN MANTRA

Post più popolari

3 CHAKRA PER 3 PIETRE E 3 FIORI
La mia esperienza con L.Hay,W.Dyer e B.Weiss a Roma
HO'OPONOPONO E LA PAURA
PIU’ CHE POSSO!!!
IL CINABRO ROSSO La pietra del successo finanziario

Categorie

Chiedi, ti sarà dato
Crescita personale
Diario di viaggio
Floriterapia
I chakra
intro
La nuova Era
Le pietre
Ricerca del Sé Divino
Seminari vecchi e nuovi
Sonoterapia
Verso la meta

Archivi

dicembre 2016
novembre 2016
settembre 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
maggio 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
marzo 2011
febbraio 2011

powered by

Il blog di Claudia Mancini

settembre 2013

ESSERE… IN DIVENIRE


 IL PANTA REI DEL NUOVO MILLENNIO
Il nostro Universo è un meraviglioso flusso di Energia che scorre, o se preferite, un entusiasmante divenire del Tutto che orienta e dirige verso l’evoluzione le realtà che ci circondano e noi stessi. Chi conosce i 7 princìpi della filosofia Huna, che sono alla base della ‘pratica’ di Hoponopono, sa che l’Energia si dirige dove va l’attenzione ed è per questo che quanto più ci si concentra sulle realtà che non ci piacciono, attraverso la lamentela, la paura, la critica, la preoccupazione, queste realtà si amplificano trasformandosi in un potente magnete che, sempre un po’ di più, ne attrae altre per le quali lamentarsi, aver paura, disprezzare o preoccuparsi. Se ci sono infatti realtà spiacevoli, che in accordo al principio che Tutto scorre, stanno passando, a che serve preoccuparsene, parlarne…eccetera eccetera, se questo ha il solo risultato di trattenerle?Per questo motivo la chiesa che ha fatto del peccato, la colpa e la povertà i capisaldi del suo sapere, li ha alimentati, così come la medicina che è la scienza della malattia, l’ha incrementata. La buona notizia è che ogni uomo o donna può superare questo vecchio modo di pensare e contribuire attivamente al proprio e altrui benessere, scegliendo consapevolmente di volersi concentrare sul positivo Il nostro modo di pensare e i nostri stessi pensieri infatti, sono elementi acquisiti, in altre parole sono abitudini, comportamenti cioè appresi sulla base di molteplici condizionamenti: ambiente, figure di riferimento, conoscenze, credenze, esperienze, relazioni, tanto per elencarne le più importanti e come abitudini possono essere cambiati attraverso la volontà e l’azione mirata a cambiarli. In questo senso è molto utile la pratica della gratitudine che, come già scritto nel precedente articolo, ogni giorno sempre un po’ di più, orienta i nostri pensieri su ciò che si ha, piuttosto che su quello che non si ha, e contemporaneamente attiva un modo nuovo di pensare, creativo di benessere per sé e per gli altri e un modo nuovo di agire creativo di apprezzamento per sé e per gli altri. A questo proposito voglio raccontare un episodio che mi è capitato qualche giorno fa e che in virtù della sua semplicità, considero un indicatore importante dell’efficacia del mio nuovo di pensare ed agire. Premetto che non mi piace andare al supermercato e almeno fino a non molto tempo fa, consideravo ‘ la spesa’ una ‘jattura’, e davanti al frigorifero aperto inevitabilmente il mio sguardo andava alla ricerca di ciò che ‘ mi mancava’, o consideravo in quantità insufficiente a placare la mia ansia di fare la spesa, privandomi così del piacere di apprezzare quello che di buono invece faceva bella mostra su i ripiani. Apro dunque lo sportello dell’elettrodomestico alla ricerca di un limone e mi rendo conto che è l’ultimo…ma invece di sbuffare e lamentarmi che i limoni sono finiti, ringrazio con entusiasmo il mio unico limone…e con gioia lo spruzzo su i fagiolini appena lessati. Il giorno seguente mentre ero dal pizzicagnolo, per Caso o per magia, vedo su uno scaffale pieno di barattoli e bottiglie di vetro proprio un sacchetto di limoni, che il commerciante aveva comprato per sé… e che ora era ben contento di rivendere a me dal momento che la moglie a sua insaputa ne aveva acquistati altrettanti!!!! Grazie, grazie, grazie!
Non c’è che dire….davvero la pratica del sentimento della gratitudine migliora la tua Vita e quella delle persone che ti stanno intorno…..e sempre a proposito di gratitudine…..mai come ora la mia spesa è stata così traboccante di ‘offerte’ e mai come ora apprezzo la gioia di andare al supermercato accompagnata dalla intima convinzione che troverò d’ora in poi qualche piacevole sorpresa per la quale esser grata!


LA BOTTIGLIA PER META' SEMPRE PIENA



La pratica del sentimento della gratitudine cambia davvero la Vita, cambia il modo con il quale guardi le cose, le persone e le situazioni perché ricercando ogni giorno i motivi per i quali esser grato, senza che tu te ne renda conto, quello che è cambiato sei tu…e come per magia la ‘ tua’ bottiglia che per tanto tempo è stata mezza vuota, diviene spontaneamente piena per metà….mettendo in moto gli effetti straordinari che per la legge di attrazione, la gratitudine porta necessariamente con sé.
Questo effetto straordinario della gratitudine è valido per ogni ‘cosa’, dalla più insignificante alla più importante, che ci capita nella nostra vita, perché la gratitudine ci porta a vedere e di conseguenza ad attrarre altre cose per le quali esser grati. Quando ero bambina ricordo che mio padre mi prendeva in giro per la mia ingenuità per cui vedevo la bottiglia mezza piena, perché secondo la sua visione del mondo e le credenze della sua generazione, bisognava essere proprio ‘stupidi’ ed ‘egoisti’ per non vedere cosa mancava e a chi mancava! Così mia madre a colazione mi raccomandava di mangiare pochi biscotti perché altrimenti sarebbero finiti troppo presto o mio fratello non ne avrebbe avuto abbastanza!Lo stesso discorso naturalmente valeva per i soldi ed è così che anche se mio padre è stato un imprenditore di successo e la mia famiglia era benestante, ho fatto mie le sue convinzioni e sono cresciuta vivendomi povera. Una volta avrò avuto 14 anni, mio padre tornò a casa per pranzo e rivolto a me disse che aveva bisogno di 90 milioni di lire e non sapeva come fare per ottenerli....ebbi una morsa allo stomaco ed immaginai gli scenari più inquietanti…pignoramenti, fallimenti…e via di questo passo per poi scoprire che il suo era stato ‘solo’ un modo di dire coerente con la credenza de ‘ il pianto paga’ e che in realtà quella somma gli era necessaria per costruire nuovi appartamenti da vendere e che avrebbe chiesto un mutuo alla banca….. naturalmente mio padre non condivise mai con me i successi di quelle e di altre vendite…e solo dopo anni sono riuscita a scrollarmi di dosso quella ‘paura’ e la dolorosa convinzione dell’imminente ‘fallimento’ paterno….. ma la sensazione di perenne precarietà in cui ero convinta di vivere perdurò molto più a lungo.La ‘riscoperta’ della pratica della gratitudine e la consapevolezza del suo straordinario potere di richiamare la prosperità nella mia e nell’altrui Vita, ha cambiato e continua a trasformare il mio presente. Mi rendo conto che davvero ho lasciato andare il passato e sempre un po’ di più dal profondo del Cuore emergono i ricordi più belli della mia infanzia accompagnati da sentimenti di sincera gratitudine per i miei genitori……la prima biciclettina rossa per il mio secondo compleanno….mio padre che mi tiene per il sellino mentre imparo ad andare senza rotelline…..mia madre che mi regala ‘ Marcellino’ il mio primo bambolotto grande con un neonato…..il primo paio di pattini a rotelle con lo stivaletto bianco…..il vestito cucito a mano da mia madre per il saggio di pianoforte…..mia madre che mi insegna a lavorare a maglia…..mio padre che mi regala la mitica 500 per i miei diciott’anni…e l’elenco è davvero lungo….quindi cosa mi rimane di scrivere, di gridare a gran voce o sussurrare dentro di me?
Grazie mamma e papà per tutto quello che mi avete dato ed avete fatto per me… avete agito per il meglio….e vi sono grata davvero grata perché è attraverso di voi che ho ritrovato ….la gioia di vivere….il coraggio di essere quello che voglio essere….e il miracolo della pratica della gratitudine!!!!