La pietra di paragone  - risolvi i tuoi problemi
RSS Diventa fan

Servizio fornito da FeedBurner


Articoli recenti

IL RE è NUDO...E IO LO VESTO
PERCHÉ DONALD TRUMP FOR PRESIDENT ORA
GRUPPO QUANTICO...AD MAJORA!!!
COSA C’E’ TRA IL DIRE E IL FARE?
#IO HO UN SOGNO. IO HO UN MANTRA

Post più popolari

3 CHAKRA PER 3 PIETRE E 3 FIORI
La mia esperienza con L.Hay,W.Dyer e B.Weiss a Roma
HO'OPONOPONO E LA PAURA
PIU’ CHE POSSO!!!
IL CINABRO ROSSO La pietra del successo finanziario

Categorie

Chiedi, ti sarà dato
Crescita personale
Diario di viaggio
Floriterapia
I chakra
intro
La nuova Era
Le pietre
Ricerca del Sé Divino
Seminari vecchi e nuovi
Sonoterapia
Verso la meta

Archivi

dicembre 2016
novembre 2016
settembre 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
maggio 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
marzo 2011
febbraio 2011

powered by

Il blog di Claudia Mancini

luglio 2016

#IO HO UN SOGNO. IO HO UN MANTRA

 
Fidatevi dei sogni perché in loro
 
è nascosta la porta dell'eternità
 
Kahlil Gibran
 
 
Un mantra da meditazione serve a svuotare la testa dai mille pensieri e agisce energicamente attraverso la vibrazione del suono. Di solito si usano antiche parole, tramandate dalla tradizione e spesso selezionate per te da un maestro o guru. Non è necessario comprendere il significato delle parole e infatti la lingua usata è spesso incomprensibile a noi occidentali. È la qualità creativa del suono che, ripetuto con costanza, porta automaticamente gli effetti desiderati.
 
Un mantra personale invece è qualcosa di molto diverso. Prima di tutto è nella lingua che parli abitualmente, perché infatti non esiste già preconfezionato: va creato su misura per te. Il suo obiettivo non è aiutarti a entrare in stato meditativo o a evolverti spiritualmente. Ripetere il mantra personale agisce su di te sbloccando i tuoi pensieri limitanti e in pratica riprogrammando la tua mente. ( web: Ilaria Ruggeri C+B )
 
 
Alla fine è arrivato! Così: all’improvviso e inaspettato. Alla fine dopo anni di mantra, pensati da qualcuno e aggiustati anche da me. Recitati, alcuni, con l’intensità dei momenti intimi, in una estenuante litania senza fine, decine, centinaia di volte al giorno, domenica 17 luglio, dalla Centralità del mio Essere in Divenire, è sbocciato, come un fiore pirotecnico, variopinto e luminescente, il ‘mio mantra’. ‘Il mantra personale che accende il mio sogno.’ Finalmente!
 
Da bambina avevo già questo sogno: aiutare le persone a ritrovare la felicità che avevano perduto. Crescendo ho anche capito che se volevo raggiungere il mio obiettivo, la prima persona che ‘poteva’,e ‘doveva’ essere felice ero proprio io.
Così da grande ho deciso di 'fare' la psicologa clinica, come si dice nell’ambiente. Ma dopo tante sedute, trascorse al di qua della scrivania, ho scoperto che lì dove stavo non avrei, mai e poi mai, trovato quello che cercavo. In nessuna scuola infatti, e tanto meno in quelle di psicoterapia, si studiava e si praticava la felicità.
 
A detta di coloro che mi avevano visto crescere ero stata una bambina vivace, gioiosa e particolarmente divertente che, con le sue battute e le domande impertinenti faceva morir dal ridere i grandi. Mipiaceva però stare anche da sola ed ero capace di stare per ore nel mio lettino a giocare con dei semplici pezzetti di carta fino aquando mi addormentavo. Riscuotevo molte simpatie tra i negozianti del quartiere, che facevano a gara per regalarmi sempre qualcosa quando, al seguito di mia madre, entravo nella loro bottega a fare la spesa del giorno. Nei miei ricordi ci sono : una mollica di parmigiano, 10 lire di pizza rossa, 2 coppie di ciliege da mettere sulle orecchie a mo’ di orecchini o un grappoletto d’uva bianca che, tutta contenta, spiluccavo sulla via del ritorno verso casa. Nel palazzo c’erano pochi bambini, tutti maschi, ed io unica femminuccia ero al centro dell’attenzione. L’infermiera dello studio medico al piano terra per me era ‘zia Tilde’. E zia Tilde è stata in quello studio dalle pareti bianco latte e le porte verniciate di bianco con i vetri smerigliati e lattiginosi, per altri 30 anni fino a quando, scomparsa la dottoressa, anche lei èandata in pensione.
 
Nonna Elena, la mamma di papà, dopo la morte del marito, avvenuta nel 1943, sempre sulla stessa strada, nello stesso stabile dove abitava, aveva aperto un negozio di mobili - della serie: casa e bottega - e tra i commercianti della zona era conosciuta come la ‘la mobiliera’. Così io che la imitavo in tutto e per tutto, ero la ‘mobilieretta’. Chi passava per la strada, mi vedeva spesso seduta sul gradino del negozio, con i soliti pezzetti di carta tra le mani, mentre mi rivolgevo all’invisibile cliente: ‘Lei è una brava persona. Ha sempre pagato le cambiali. Ed io sono contenta di non averla mai mandata in protesto. A me dispiace quando succede, maquando un cliente non paga, dopo aver aspettato per un po’, sono costretta a mandarlo in protesto… Vedrà la camera da letto che hacomprato da me le durerà per sempre perché è tutta di legno massello. Per l’esattezza è di palissandro.’
 
Questa attrazione per i gradini mi è rimasta tale e quale come allora e, appena posso, soprattutto d’estate al mare, mi piace ancora sedermi fuori la porta o davanti la vetrina di un negozio con la serranda abbassata, per gustare un cono gelato o per fumare una sigaretta.
 
Anche se in casa non si parlava apertamente di quanti soldi entravano, ‘sapevo’ che mia nonna era più ricca di suo figlio, mio padre,che aveva appena cominciato a fare l’imprenditore edile. Era lei infatti che mi comprava i vestiti, sempre molto belli e i completi con i pantaloni che a me piacevano di più.  E le domeniche d’estate, quando nonna Elena veniva a trovarmi alla casa che prendeva in affitto per le mie vacanze al mare, era a lei che chiedevo di comprarmi, di nascosto di mio padre, gli zoccoletti con il tacchetto. Avevo appena due anni, ma già aspiravo a sembrare una‘signorina’! Naturalmente appena nonna ripartiva per Roma, gli agognati zoccoletti con il tacchetto mi venivano requisiti e la domenica successiva si ricominciava con l’ennesimo acquisto del medesimo paio!
Non ho mai scoperto che fine facessero, credo che finissero direttamente nel secchio della spazzatura!
Quando stavo con nonna Elena e i miei zii che vivevano a casa con lei, ero felice perché ricevevo molte attenzioni e mi sentivo amata e coccolata. Ero ugualmente felice però, quando andavo a trovare nonna Pina e nonno Ottorino, i genitori di mia madre, perché potevo giocare con le mie due cugine che, dalla morte del padre, vivevano insieme con la madre, stabilmente a casa dei nonni. Nonostante fossi la più piccola delle tre, mia madre mi ripeteva spesso che ero io a decidere quale gioco fare o quali regole dei giochi cambiare. Quando d’estate altre bambine volevano giocare con noi, ero sempre io a decidere chi poteva farlo e chi no. Una estate, a Rocca di Papa, la località dei Castelli Romani, dove i miei nonni materni erano nati e trascorrevano le vacanze estive, avrò avuto più o meno due anni e mezzo, con la mia inseparabile borsetta di paglia al braccio, presi per mano mia cugina e facendo finta di essere ‘due signore’, la trascinai a fare la spesa al mercato sotto casa. Quando mia zia e mia madre ci ritrovarono davanti al banco della verdura, mi sentirono dire: ‘ quando passa, paga nonna! ’…
 
Da questi episodi trae ispirazione ed energia il mio mantra personale :
 
Io sono Maria Claudia Mancini, una autentica Social Leader.
 
Io sono un modello di rinnovata notorietà, prosperità e felicità per me e per gli altri.
 
Unabbraccio generoso

IL SOCIAL LEADER











ovvero il nuovo leader dei gruppi pubblici di Fb

Con la mia prima seduta di ‘riabilitazione fonetica’, avvenuta ieri al centro di foniatria di Spoleto, ho creato un altro potente effetto leva energetico, che, oramai ne sono sicura, mi sta guidando verso l’ Essere quello che, ancor prima di venire qua, ho scelto di Divenire: UNA GUIDA. ESSERE UNA GUIDA DEL DIVENIRE. IO SONO UNA AUTENTICA GUIDA LIBERA DI ESSERE.

Ora so qual è la missione per la quale sono scesa da là a qua.

Distesa immobile sul lettino della rianimazione. Al mio fianco ritto in piedi Pietro mi sfiorava i capelli e mi sussurrava parole. La mia mente ha avuto un ‘dropout’.
Ho cominciato a sentire arrivare il flusso della risposta semplice e assoluta dell’Universo, che finalmente mi raggiungeva. Sono stata attraversata e pervasa da una corrente di energia rigenerante, gradevole al tatto come l’acqua di una fonte termale. Scintillante e cristallina come un fiume montano. Lattea e spumeggiante come un’onda oceanica. Soffice e morbida come una laguna marina. Fresca e dissetante come lo zampillo delle fontane del Borromini. Tiepida e disponibile come la doccia di casa...
Finalmente l’estate è arrivata. Le giornate assolate, le temperature ben oltre i 30°, le domeniche che svuotano le grande metropoli e riempiono di bagnanti e ombrelloni i post di Fb, ci informano che la Vita va avanti con un andamento ciclico. Così ogni giorno è davvero un giorno nuovo. Nuovo perché senza soluzione di continuità spazio-temporale con quelli che lo hanno preceduto e con quelli che verranno dopo, è un dono che vive di luce propria, fruibile da tutti in modo assolutamente gratuito e da tutti chiamato ‘PRESENTE.’
E allora qual è il filo rosso della rete che tiene insieme i racconti delle nostre esperienze?
Cosa è che dà coerenza alla trama delle nostre storie divine, vissute con tutta l’umanità di cui siamo capaci solo Noi Umani? Gli Uomini e le Donne, i Bambini, i Giovani, gli Adulti e i Vecchi, abitanti il pianeta Terra?
La risposta mi sorge spontanea dal Cuore: L’INFORMAZIONE QUANTICA. L’insieme cioè delle tecniche di calcolo e del loro studio, che utilizzano ‘i quanti’ per memorizzare ed elaborare le informazioni.
A loro volta le informazioni, messe insieme, comunicate, interconnettono gli uomini, gli animali e, in alcuni casi, gli uomini con le macchine.
Comunicare infatti, è un bisogno primario, sia per l'uomo che per gli animali: una necessità vitale, se si considera che dalla capacità dell'uno e degli altri di trasferire efficacemente informazioni di natura diversa dipendono le possibilità che essi hanno di alimentarsi, di riprodursi, di essere riconosciuti come membri di un gruppo sociale, di garantirsi - al suo interno - una posizione precisa, di ottenere aiuto e sostegno.
Il modo più usato e, per certi versi, più tradizionale di comunicare è l’interazione comunicativa interpersonale, diretta. Il faccia a faccia con l’interlocutore, tanto per intenderci. Quando questo contatto diretto non è possibile, si ricorre ad un mezzo comunicativo, il cosiddetto ‘medium’ che deve molto della sua fama all’esoterismo, suo campo di applicazione privilegiato. Il medium e i media, al plurale, sono quindi i mezzi di comunicazione. La comunicazione che fa uso di questi strumenti di intermediazione è la comunicazione mediale per distinguerla dalla comunicazione interpersonale, diretta, faccia a faccia.
Aperta e chiusa questa ampia parentesi formativa sulla comunicazione, che per il carattere didattico del suo contenuto ci ha portato ‘fuori tema’, riprendiamo da là dove abbiamo lasciato, con la domanda che più ci sta a cuore:
Chi è il Social Leader?
Se si tiene in debito conto quello esposto fin a qui sulla informazione quantica, e le diverse modalità di comunicazione, credo che la risposta, facile ed intuitiva, è quasi scontata.
Il Social Leader è un personaggio pubblico che nel social network di Fb, si pone e per certi aspetti, viene posto, con il consenso di coloro che già lo hanno conosciuto di fama o di persona, al centro del gruppo pubblico da lui stesso creato. E, avendo già intrapreso e non necessariamente concluso il proprio, ha l’obiettivo di guidare e orientare il percorso di crescita dei membri del gruppo ai loro livelli superiori.
Il Social Leader quindi deve necessariamente essere un efficace e abilissimo comunicatore mediale, attraverso la parola scritta, ma soprattutto inventando formule, simboli, bandiere, divise, scenografie e rituali.
In rete l’unico strumento per entrare e rimanere in contatto è infatti la comunicazione mediale che, per adattarsi alle caratteristiche di velocità e rapidità dei vari ‘ dì come ti senti,’ post, commenti (rigorosamente senza firma), ‘mi piace’, condivisioni, e ora anche gli hashtag, ultimi arrivati, ma già ai primi posti tra quelli più usati, si sta adattando alle ortografie più snelle, senza apostrofi, accenti o vocali della serie’ c’hai’, che a più d’un lettore, me compresa ;), all’inizio ha fatto accapponare la pelle, soprattutto perché anche il vocabolario della Treccani comincia a tollerare il nuovo modo di scrivere le parole nel social network.
Fb dal canto suo vede di buon occhio i Social Group Leader perché non solo sono un efficace mezzo di pubblicità anche per il network, ma soprattutto perché il gruppo del Social Leader è un trainante veicolo di partecipazione per chi nel Social network è presente solo con l’ account.
Da più parti e non solo in rete ho notato che non si fa una distinzione netta tra ‘ capo ‘ e ‘ leader ‘ arrivando a far coincidere il leader con ‘ il buon capo’ o ‘il capo illuminato’.
Nella sostanza IL LEADER E’ ALTRO DAL CAPO. E’ una differenza sostanziale determinata dalle caratteristiche di personalità del leader come persona che non sono assimilabili a quelle di personalità del capo.
Cominciamo dalle caratteristiche del capo, e vediamole una per una.
1) Il capo occupa una posizione di ‘vertice ‘ in una struttura piramidale, stratificata gerarchicamente, meglio conosciuta come multilevel.
2) Il capo ha rapporti frequenti e privilegiati solo con coloro che sceglie come esecutori dei suoi ordini che sono sempre al livello appena sotto al suo.
3) Il capo anche in situazioni di emergenza, rimane sempre al suo posto. Della serie ‘ Vai avanti tu, che a me mi viene da ridere!?
4) Il capo non ha rapporti di alcun tipo con coloro che sono alla base della piramide.
5) Il capo a sua volta fa capo ai suoi superiori che controllano se le sue azioni sono giuste.
6) Il capo va dove decidono i suoi superiori.
7) Il capo è imposto ai membri del gruppo dai suoi superiori in grado.
8) Il capo ha paura e incute paura.
9) Il capo sorride poco.
10) Le sue azioni sono finalizzate a tenere sotto controllo la sua paura, esercitando il potere sui membri del gruppo.
Ora passiamo a quelle del leader
1) Il leader occupa una posizione centrale in una struttura circolare paritetica. Un esempio classico è ‘ la tavola rotonda’ non importa se non è di Re Artù !
2) Il leader è solo. Si assume le responsabilità delle proprie azioni. Agisce sempre in prima persona. Ha rapporti diretti con tutti i membri del gruppo. Li conosce uno per uno e per ognuno ha una parola di incoraggiamento.
3) Il leader, quando è necessario, è il primo a sporcarsi le mani. Dà l’esempio più con i fatti che con le parole. Della serie ‘ Mica stò qui a pettina’ le bambole!’
4) Il leader comunica con il cuore al cuore dei partecipanti del gruppo. Arriva al cuore delle persone e delle situazioni. Ama vivere le situazioni dal di dentro per questo sta al centro.
5) Il leader fa riferimento solo ed esclusivamente a se stesso. Per questo Il social leader è definito autentico.
6) Il leader non va da nessuna parte. Sta sempre al centro.
7) Il leader ha il consenso di tutti i partecipanti del gruppo. E’ scelto da loro.
8) Il leader ha fiducia e infonde fiducia.
9) Il leader sorride spesso. Si diverte e fa divertire.
10) Le sue azioni sono finalizzate a sostenere e a incoraggiare il percorso individuale di crescita di ogni membro del gruppo.
Queste in sintesi le caratteristiche distintive del capo e del leader. Come avete certamente notato, le due liste sono state scritte una dopo l’altra per un motivo ben preciso: evitare qualsiasi tentativo di confronto che risulterebbe non solo inappropriato, ma inutile.
Il capo è utile tanto quanto il leader. La sua utilità dipende dalle situazioni, dagli obiettivi che si vogliono raggiungere, e soprattutto dalle esigenze di coloro che formano la struttura. Per intenderci in una situazione di emergenza, come un terremoto ci vuole un coordinatore a capo delle operazioni e non certo un leader. In sala operatoria il chirurgo deve operare in un ruolo di autorità se vuole fare ben il suo lavoro e salvare la vita al paziente. Non è certo la sala operatoria la sede adatta per una sessione di coaching! :)
Di più. Chi come me ha fatto l’esperienza di Imprenditori Liberi e sa cosa significa essere e agire come imprenditore di se stesso, ha l’opportunità di scegliere consapevolmente cosa è meglio per lui o lei. Se continuare ad essere Imprenditore Libero o di attraversare questa esperienza per arrivare ad essere il social leader di se stesso.
Per quello che riguarda la mia storia personale, ora ne sono sicura, e lo dichiaro, così come me lo detta il Cuore.
L’esperienza di IL, cominciata l’otto maggio 2014, (esattamente 21 anni dopo il ritorno a Casa di mio padre - a cui ho voluto un bene dell’anima- Sergio Mancini, imprenditore di successo, avvenuto l’ otto maggio 1993,) nella sala delle conferenze di un hotel di Verona, del quale mi era stata assegnata la camera numero otto, cheho condiviso con la mia compagna Claudia Azzaro, nata come a febbraio, e precisamente il giorno otto, non solo mi è stata segnalata dall’Universo, usando il ‘mio’ numero vitale (‘l’otto, primo cubo di un numero pari e doppio del primo quadrato, bene esprime la potenza di Dio.’ Plutarco), ma soprattutto, con la presenza di questo numero ripetuta per ben 3 volte nella stessa situazione, mi ha dimostrato quello che nel mio intimo sapevo già e cioè che la l’Universo ci Ama, la Vita ci Ama e quando chiediamo con il Cuore aiuto, l’aiuto sotto qualunque forma, arriva sempre. A me arrivò con una telefonata, promessa dalla mia consulente PiuChePuoi Stefania Zavatarelli, e fatta naturalmente da Italo Pintimalli dal suo cellulare con l’ID del chiamante!
Ora dovete sapere che, contrariamente a quello che crede la maggior parte delle persone, la comunicazione mediale, sia essa attraverso il telefono o la rete è quella più difficile da mistificare perché manca l’impatto degli elementi visivi del faccia a faccia che catturano l’attenzione dell’ascoltatore e lo distraggono. Questo è il motivo per cui le truffe ai danni delle persone, per lo più anziane, richiedono una visita a casa su appuntamento.
L’immagine, l’aspetto, i capelli, di una persona possono essere cambiati. Eccome!!! Ne sanno qualcosa i parrucchieri, i visagisti e, nei casi più risolutivi, i chirurghi plastici!!!
Ma la voce che è la fonte sonora più antica e spontanea, non possiamo cambiarla, anche volendo!
Possiamo imparare a impostarla facendo ricorso alle casse di risonanza, come insegna nel video corso di PiuchePuoi Valeria Roncato. Possiamo riattivare la funzionalità delle corde vocali bloccate, come è accaduto a me, ricorrendo alla logopedista dei centri ospedalieri, che ci assegna gli esercizi di fonazione.
Insomma possiamo giocare con la voce, facendo le voci, parlando e cantando in falsetto, facendo l’imitazione di quella dei personaggi famosi, possiamo parlare senza muovere i muscoli facciali e fare i ventriloqui…ma cambiarla proprio non si può!!!
‘Il lungomare’ del mio Iphone è stato il segnale di inizio della mia conoscenza mediale con Italo, che ho visto qualche tempo dopo, per la prima volta in carne ed ossa, ad un pranzo di fine corso di IL.
Italo mi parlò a lungo con tono pacato e rassicurante, riuscendo ad entrare da subito in empatia con il mio stato d’animo senza lasciarsene travolgere. Sentivo dal timbro della sua voce che la sua vicinanza era sincera e quando gli dissi che per me quella che stavo vivendo era una crisi spirituale, volle conoscere il mantra che recitavo ogni giorno fino allo sfinimento…. Pur non essendo in sintonia con me in quel momento, ed era giusto che fosse così, altrimenti non avrebbe potuto essermi di alcun aiuto, apprezzò molto il mio mantra e da lì capii che Italo sapeva perfettamente cosa era una crisi spirituale e cosa significa trovarsi nella valle.
Mi sentii riconosciuta e soprattutto rispettata con la mia sofferenza e, per incoraggiarmi Italo aggiunse che aveva visto persone molto vicino a lui che, in situazioni peggiori della mia, ce l’avevano fatta.
E così è stato!!! E così è !!!
E, aggiungo io, non potrebbe essere altrimenti perché, come dici tu, caro Italo, social leader del nostro gruppo Fb ‘Il Potere del Cervello Quantico’ l’Universo, se non lo distraiamo, sa sempre cosa è meglio per noi!!
Grazie! Grazie! Grazie a tutti quelli che so io!

Un abbraccio generoso